Frontiera TV
Formazione, rifugiati e mediatori culturali. Le proposte per il Piano sull’Immigrazione

Le richieste degli enti e delle associazioni a Regione Puglia e Ipres

pubblicato il 04/11/2011
vai alla scheda
torna indietro
Formazione, rifugiati e mediatori culturali. Le proposte per il Piano sull’Immigrazione

Le richieste degli enti e delle associazioni a Regione Puglia e Ipres

Calibrare l’attività di formazione professionale per i migranti con le reali esigenze dei territori. Migliorare i percorsi di integrazione dei minori non accompagnati anche attraverso l’istituzione di un Osservatorio che monitori i progressi fatti. Inquadrare la figura del mediatore culturale sulla base di definizioni normative ben precise; potenziare il passaggio dalla fase di prima accoglienza a quella dell’inserimento socio-lavorativo, con un’attenzione particolare per richiedenti asilo, rifugiati politici e titolari di protezione internazionale.

Per gli enti e le associazioni che si occupano di immigrazione, non ci sono dubbi: la bozza che porterà alla stesura del nuovo Piano triennale Regionale per l’Immigrazione dovrebbe contenere buona parte delle loro indicazioni e suggerimenti. Per questo, la Regione Puglia, con l’assistenza tecnica dell’Ipres, ha preso nota delle numerose sollecitazioni arrivate direttamente dalle voci dei territori finalizzate a migliorare le condizioni di vita dei migranti che risiedono, anche temporaneamente, in Puglia.

FrontieraTv ha raccolto le richieste di Sow Sidy, presidente dell’Anolf-Cisl Puglia, Marta Dokaj, mediatrice culturale albanese, Mohamed Elmaydi, mediatore culturale presso il C.A.R.A. di Borgo Mezzanone, e Fabio Losito, assessore alle Politiche Educative del Comune di Bari














 
regione puglia
provincia di Foggia
commons
commons
commons
CREDITS    GERENZA    CONTATTACI                  © 2009 Euromediterranea s.p.a.