Frontiera TV
Iliana, dalla Grecia all’Italia per coronare il sogno di studiare

"Sono a Foggia da tre anni. E una città poco caotica e mi sono trovata bene"

pubblicato il 01/04/2010
vai alla scheda
torna indietro
Iliana, dalla Grecia all’Italia per coronare il sogno di studiare

"Sono a Foggia da tre anni. E una città poco caotica e mi sono trovata bene"

Da quanto tempo ti trovi all’Università di Foggia e cosa ti ha spinto a scegliere l’ateneo foggiano per proseguire i tuoi studi?
Iliana Englazou (Studentessa greca) Sono qui da tre anni. Che cosa mi ha spinto a scegliere l’Università di Foggia? In realtà è una storia lunga. Prima di tutto perché il mio fidanzato stava già qua perché fa medicina, studia medicina e perché c’è questa mentalità, quest’eredità possiamo dire da noi in Grecia, di preferire l’Italia come luogo per i nostri studi. Perché ci sono poche Università in Grecia e anche a numero chiuso. Quindi il primo paese che preferiamo è l’Inghilterra, visto che l’inglese è una lingua che si impara dalle scuola elementare e dopo c’è l’Italia, visto che è più vicino ed è molto di moda l’Italia. Dalla seconda guerra mondiale in poi in Grecia c’è questo amore per l’Italia, per tutto lo stile di vita. Sono tanti i greci che dagli anni sessanta in poi hanno questa passione.

Questo stile di vita e questa passione li hai ritrovati anche a Foggia?
Foggia è una scelta particolare. La scelta preferibile sarebbe stata Bari, più vicina al porto, un Università più vecchia, possiamo tener conto del fatto che l’Università di Foggia è diventata autonoma nel ’99. Possiamo dire che la migliore pubblicità arriva sempre dalle voci, quindi Foggia è diventata dopo una scelta perché era meno caotica. Quindi se dobbiamo dare un consiglio al Rettore è sul perché gli studenti dovrebbero scegliere non Bari ma Foggia. Prima di tutto potrebbe essere perché è un’Università meno caotica, ma ci deve dare qualcosa di più per poter spingere i greci e gli altri studenti a venir qua, perché il numero è diminuito abbastanza negli ultimi due anni. Prima eravamo una società di 100 150 greci a Foggia, però adesso ne siamo 32, siamo pochissimi.

Ad Iliana l’esperienza universitaria le ha fatto pensare che Foggia è un crocevia di popoli, perché ha incontrato persone provenienti da Marocco, Balcani, Albania, Bulgaria, Romania. Insomma, un ponte di pace teso a migliorare i rapporti fra tutti i Paesi del Mediterraneo.

Tu studi Scienze della Formazione Continua, ti stai per laureare, che valutazione dai ai corsi che hai seguito, come ti sei trovata?
Mi sono trovata bene, ma è una cosa soggettiva. A me piacciono le materie, il rapporto con i professori. Ero però frequentante, se frequenti hai altri rapporti e ti vedono ogni volta, quindi mi sono trovata benissimo. Per quanto riguarda la lingua è una cosa molto molto difficile, perché le regole grammaticali italiane sono difficili e la nostra lingua non ha niente a che fare con la lingua italiana che è molto bella quando la senti, ma è molto difficile quando la impari.

link:
Università degli Studi di Foggia
Studiare in Italia
La Comunità Greca in Italia














 
regione puglia
provincia di Foggia
commons
commons
commons
CREDITS    GERENZA    CONTATTACI                  © 2009 Euromediterranea s.p.a.