Frontiera TV


15 marzo 2017
Gran Ghetto, la Regione Puglia autorizza il trasferimento dei migranti a Contrada San Ricciardo
Il proveddimento adottato dalal Giunta Regionale per "garantire l’assistenza" in "questa fase straordinaria" Gran Ghetto, la Regione Puglia autorizza il trasferimento dei migranti a Contrada San Ricciardo“Il trasferimento su base volontaria dei migranti che si erano stabiliti nel cosiddetto Gran Ghetto di Rignano Garganico (agro San Severo), ha consentito l’emersione di problematiche e criticità alle quali dare soluzione nell’immediato non appare semplice - soprattutto con i mezzi ordinari previsti dalle misure già messe in campo dalla Sezione Sicurezza del Cittadino”. Inizia così il testo approvato ieri dalla Giunta regionale relativo allo sgombero dei braccianti dal Gran Ghetto e all’apertura della strutture di accoglienza in cui sono andati i migranti: Casa Sankara, l’Arena, Masseria Fortore. Oltre 300 i migranti che hanno scelto di trasferirsi nelle strutture d’accoglienza con la speranza di trovare quanto prima una risposta anche al tema del lavoro, il punto centrale di tutta la questione per vincere definitivamente la lotta contro il caporalato. Anche per questo, come già scritto in altre circostanze, alcuni migranti hanno rinunciato all’accoglienza delle strutture preferendo spostarsi verso altri ghetti, nei dormitori, in stazione o addirittura continuando a vivere nei pressi del gran ghetto, in modo da trovare più facilmente lavoro anche se sotto lo sfruttamento dei caporali e vivendo in pessime condizioni igienico-abitative.

“La Giunta regionale – è ancora scritto nel testo della Giunta regionale - valutando positivamente il supporto della Protezione Civile regionale alle attività già predisposte, ha dunque autorizzato la Sezione Protezione Civile ad operare, con le proprie procedure, presso il complesso immobiliare sito in via del Demanio - Contrada San Ricciardo, di proprietà del Comune di San Severo, al fine di garantire nella presente fase straordinaria, l’assistenza agli immigrati lavoratori stagionali, utilizzando ulteriori risorse economiche, oltre quelle già disposte con DGR n. 212 del 21 febbraio 2017, sufficienti a coprire le attività per un lasso di tempo di tre mesi. L’esecutivo ha quindi previsto, per la realizzazione di tali azioni una spesa complessiva di € 250.000,00 ed autorizzando il Dirigente della Sezione Protezione Civile al prelievo di tale somma al fine di assicurare celerità ed efficienza nella gestione”.


allegati:
Nessun allegato presente









commons
commons
commons
CREDITS    GERENZA    CONTATTACI                  © 2009 Euromediterranea s.p.a.