Frontiera TV


11 marzo 2014
Foggia, addio a Colby: il migrante che aiutava gli altri migranti ad integrarsi
Aveva anche costituito l’associazione Africa United Foggia, addio a Colby: il migrante che aiutava gli altri migranti ad integrarsi“Solo un migrante può conoscere bene le reali esigenze di un altro migrante”. Lo ripeteva sempre Coulybaly Lassina, della Costa d’Avorio, da più vent’anni a Foggia, conosciuto da tutti come Colby. Per questo, aveva messo a disposizione dei cittadini stranieri le sue conoscenze, le sue competenze acquisite su campo. Permesso di soggiorno, lavoro, documenti. I migranti sapevano che a Colby potevano chiedere qualunque informazione, qualunque necessità, perché dopo tanti anni vissuti in Italia e a Foggia, Colby sapeva sempre come muoversi. Non a caso, faceva parte della Consulta Regionale per l’integrazione degli immigrati, l’organismo pugliese che ha il compito di formulare proposte, esprimere pareri, dare suggerimenti sulle tematiche migratorie. Ma non solo. Perché per favorire una maggiore integrazione delle comunità straniere presenti sul territorio, aveva anche costituito pochi anni fa l’Africa United, un’associazione di volontariato composta principalmente da cittadini africani.

Dopo tante battaglie, però, Colby questa notte si è dovuto arrendere davanti alla battaglia più difficile, quello con la malattia che da un po’ di tempo l’aveva costretto a rallentare i ritmi, gli aiuti, gli impegni. E’ lo stesso Consiglio Ecumenico di Foggia a darne notizia, ricordando che “dopo la vicinanza nella preghiera siamo chiamati a testimoniare la nostra presenza e amore fraterno anche attraverso gesti concreti di carità verso la sua famiglia, che deve affrontare oltre che una sofferenza straordinaria, anche spese impreviste e sostanziose. Si sta infatti valutando l’opportunità di trasferire la salma in Costa d’Avorio”.

Ed è previsto oggi pomeriggio alle 17, presso l’obitotio dell’ospedale di Foggia, l’ultimo saluto a Colby attraverso il rito funebre musulmano.Per il momento, le comunità straniere e le varie confessioni religiose di Foggia, si stringono in preghiera per ricordare un migrante che è sempre stato al servizio dei migranti, con l’obiettivo di migliorare la qualità della loro vita e di favorire reali processi di integrazione.
e.m.


La foto è tratta dal profilo gacebook di Terra Mia

allegati:
Nessun allegato presente









commons
commons
commons
CREDITS    GERENZA    CONTATTACI                  © 2009 Euromediterranea s.p.a.